ricevi qa sulla e-mail: ISCRIVITI
cerca articoli
parole chiave
Dal
Al
Autore

immagine dell'articolo

Alla filarmonica della Scala il pianista Alexander Malofeev, 15 anni, vincitore del concorso Cajkovskij

Lunedì 6 febbraio 2017 alle ore 20 torna sul podio della Filarmonica il direttore russo Valery Gergiev, membro onorario dell’orchestra dal 2010, a due anni dall’ultima presenza scaligera. Con lui arriva in Italia per la prima volta il pianista Alexander Malofeev: vincitore del Concorso Cajkovskij nel 2014, a soli quindici anni ha bruciato le tappe di una carriera che dalle apparizioni al Boshoj al Marinskij lo ha portato a esibirsi in concerto a Parigi come a Tokio e a Shangai. Il concerto sarà trasmesso in diretta da Radio 3. Il programma si apre con una delle pagine più celebri e intense della letteratura pianistica, il Concerto n. 1 in si bemolle maggiore di Pëtr Il'ic Cajkovskij, e prosegue con le tinte policrome dei Quadri da un’esposizione di Modest Musorgskij nell’orchestrazione di Maurice Ravel. Il legame tra i due brani in programma va oltre il dato anagrafico, l’anno di composizione per entrambi si colloca tra il 1874 e il 1875, ma mostra con evidenza come due artisti opposti per personalità e pensiero artistico riservassero al pianoforte un ruolo di primissimo piano nella scrittura orchestrale, superando i gesti della tradizione e proiettandolo nella musica del Novecento. Valery Gergiev è maestro indiscusso di questo repertorio, cui si dedica con istinto inconfondibile e cura certosina, restituendo spesso esecuzioni memorabili. Con la Filarmonica Gergiev ha realizzato ventisei concerti dal debutto nel 1990.

Lunedi 6 febbraio ore 20, Concerto Teatro alla Scala Filarmonica della Scala Valery Gergiev, direttore Alexander Malofeev, pianoforte.